Dopo il grande riscontro dei partecipanti dell’ultima edizione, per l’edizione 2022 la “Colli della Sabina” presenterà, con piccole variazioni, gli stessi percorsi della decima edizione.

 

 

PERCORSO  LUNGO : 45KM –  1.000 m DISLIVELLO

Il PERCORSO LUNGO  è un percorso che esalta le caratteristiche tipiche dei paesaggi collinari della bassa Sabina. Oliveti, guadi, borghi medioevali, salite impegnative, discese scorrevoli, affacci panoramici e vedute meravigliose!

PRECISIAMO CHE IL PERCORSO LUNGO E’ UN PERCORSO CHE RICHIEDE:

– BUONA PREPARAZIONE FISICA

– BUON LIVELLO DI ALLENAMENTO

 

SONO PREVISTI DUE CANCELLI ORARI

– il primo alle ore 11.00, alla divisione dei percorsi (km 14): chi arriverà dopo questo orario potrà percorrere solo il percorso corto;

– il secondo alle ore 12.30 a Fara in Sabina (km 23), che devierà i partecipanti per un percorso semplificato verso Farfa.

Circa il 70% del dislivello complessivo del  PERCORSO LUNGO si accumula per raggiungere Fara in Sabina, situata a 20 km dalla partenza.

Dallo start, si susseguono continui sali e scendi che conducono alle pendici del monte Buzio a ridosso del borgo di Fara in Sabina, dove ad attendere i partecipanti ci sarà la mitica….”Tagliafuoco”: una salita tosta panoramica, che regala solo qualche tratto per prendere fiato prima di rilanciare con strappi anche severi: in totale, circa 200 Metri di dislivello in meno di 2 KM,  con una pendenza media del 13%!

Conquistato il borgo di Fara in Sabina (dove verrà allestito il secondo ristoro), il percorso procede verso un altro borgo meraviglioso: Toffia! Anche qui, sarà previsto un tratto tanto breve quanto tosto per conquistare il  centro storico del borgo.

A questo punto, manca solo l’ultima grande salita del  PERCORSO LUNGO.

Quella che, dopo pochi km da Toffia, conduce all’Abbazia di Farfa, una perla incastonata nelle colline sabine ricca di storia e spiritualità.

Con i suoi 700 Metri di lunghezza e 80 m di dislivello, la salita detta “Il Mostro”, inizia con un piacevole guado per proseguire con pendenze non troppo cattive sino a spalancare l’ultimo tratto in cemento, lungo poche decine di metri che, con pendenze vicine al 20 fa sudare non poco l’approdo al suggestivo borgo medievale e al terzo ristoro della giornata!

La parte finale del percorso, da Farfa in poi, si presenta molto scorrevole, per consentire ai partecipanti di raccogliere le energie per godersi la festa dell’arrivo  ed il meritato riposo con ristoro finale!

 

PERCORSO CORTO

Il percorso corto si sviluppa quasi interamente nel territorio del Comune di Fara in Sabina.

Replica il percorso lungo sino al km 14.

Con circa 30 km e 400 m di dislivello rappresenta un’ottima soluzione per i biker desiderosi di una bella pedalata senza salite troppo impegnative.

Con tratti scorrevoli e poche difficoltà tecniche è in grado di esaltare i paesaggi caratteristici della Bassa Sabina, tra gli oliveti e le colline che caratterizzano un territorio bello come pochi.

 

Alcuni consigli utili:

  1. È una cicloturistica: godetevi i paesaggi, i ristori, la compagnia dei vostri amici, lasciando a casa ansie prestazionali.
  2. Soprattutto nei tratti più impegnativi, perché non interrompere la pedalata, prendere fiato e ammirare quello che vi circonda?
  3. Il percorso Lungo è impegnativo eprevede una preparazione adeguata. Affrontarlo senza avere il necessario “dislivello nelle gambe” potrebbe rivelarsi un errore.
  4. La scelta tra il percorso Lungo e quello Corto, arriva dopo 14 Km dalla partenza e poco prima di incontrare i tratti più impegnativi: occhio!
  5. Un adeguato dispendio di energie e calorie vi permetterà di sbranare il ricco pasta party senza freni inibitori!
  6. I percorsi sono adeguatamente segnalati e presidiati. Per qualsiasi esigenza nel vostro pettorale troverete due numeri di cellulare a cui condividere la vostra posizione per essere raggiunti in pochi minuti.
  7. Nei tratti aperti al traffico raccomandiamo il rispetto delle norme del codice della strada!